vita a colori

Oggi ho bisogno di colori. Sto disegnando da troppi giorni solo a matita, perché il progetto in corso lo richiede, ma ora devo colorare qualcosa! Ne ho bisogno. Inizio col far tornare le mie unghie rosse.

Colorare mi mette di buon umore e mi ricarica, rilassandomi.

Carta, acquerelli, pennello e sono felice. Per quanto ne controlli la stesura, l’acquerello talvolta fa anche un po’ come gli pare… Mi è molto simpatica questa tecnica. Bisogna accettare di non poter controllare tutto sempre al 100%, come nella vita in fondo…

Spesso poi, per “reagire” ad una cosa che non avevi previsto, tiri fuori molta più creatività. Spesso.

Altre volte bisogna rifare tutto.

do something for yourself

Cambiando discorso… ma oggi che tempo c’è stato? Ho iniziato a lavorare molto presto ed era ancora buio, sono uscita che era già tardi (quindi buio).

Da quando ho smesso di fumare, mi capita spessissimo di non sapere se c’è stato il sole o meno durante il giorno… dovrei trovare un’altra “scusa” per uscire dallo studio comunque a prendere una boccata d’aria. Credo mi farebbe bene. Nonostante lo smog di Milano.

Stasera telefilm. Non ce n’è per nessuno.

A domani.

Angela

2 Comments

Estri in laboratorio
Edit

Condivido il tuo pensiero sull’acquerello, ma quale trauma abbiamo avuto da piccole per realizzare il nostro benesse con questi pochi oggetti: carta, colori e pennello? Buon lavoro.

angelavarani
Edit

ahahah!!! vero!!! 😉 buon lavoro anche a te 😉