shopping milanese

20140719-165232-60752300.jpg
Non sono un’amante del “fare shopping” giusto per farlo… anche se tra l’altro credo che quello sia proprio la cosa divertente per i più… -_-  Sono sempre presa ed indaffarata dai miei progetti lavorativi, e non ho questo culto del girare per i negozi affollati in cerca di… ispirazione (?) (considerando che chi fa shopping regolarmente, lo Shopping con la “S” maiuscola, non è che ha una reale necessità della cosa che acquista). Ma dicono che sia lì il bello.

Svolgendo lavori tra colori, materiali differenti e talvolta un po’ movimentati, i miei abiti non hanno, ahimè, quella che si può definire una vita lunga. In questo periodo ho trovato un buchetto nuovo, una macchietta colorata, ogni giorno sui miei abiti, tanto che ho deciso di rammendare qualcosa (sì, lo so, fa poco fashion, poco blogger… quello che volete), ma anche di buttare un po’ di cose. E’ un’operazione che faccio una volta ogni due anni circa! Odio lo spreco, quindi, ho preso un bel sacco, l’ho riempito e l’ho portato nei cassonetti dei vestiti usati.

20140719-165231-60751911.jpgPoi la follia. O_O Vado in Duomo a fare un po’ di shopping.

Prendere la metro è una di quelle cose che amo di Milano.

Però caldo.

E io ho sempre la pressione bassa, ma sono decisa nel mio intento.

Fare una salita per tutti i piani della Rinascente, tra gente che ti spruzza profumi , passando tra cartellini che espongono cifre che manco il mio estratto conto è così alto, persone eleganti, quella leggera e giusta aria condizionata che ti accompagna fino su, fino alla terrazza Aperol che guarda le guglie del magnifico Duomo, ti fa sentire bene e ti fa sentire di vivere nella città della moda.

Finita questa gita inizio a fare shopping ed incredibilmente compro, senza farmi intimidire dalle file ai camerini, le file alle casse… dopo 4 ore decido di tornate a casa con ben 3 borse di acquisti! (Vi garantisco che per me è tanta roba: di solito rinuncio per le code, o semplicemente non mi piaccio con quello che ho scelto, o per altri mille motivi o scuse).

Bene, alle 16.30 decido di fare una passeggiata fino a casa sottovalutando i 3Km che mi separano da casa. I 30° diventano presto 300 percepiti. Penso di essere proprio una cretina ma d’altra parte penso che smaltirò il… ma mi son dimenticata di pranzare!!! Ok, scoprirlo alle 17, non è il massimo, ma recupererò in serata 😉

 

Buon sabato sera

Angela