dedicARTI

E il Cartoomics è andato.

Sabato, la mattinata era uggiosa. Milano era desaturata come da consueta palette colori di quello smog che sempre di più mi da noia. Parcheggiamo alla Porta Est per capire quasi subito, in mezzo ad un vento fortissimo che manco fossimo a Trieste, di aver parcheggiato lontanissimo dal padiglione 20.

Dopo quei 7/8 km (o almeno io li ho vissuti così), qualche sbarbattamento  selvaggio di ciglia per carpire informazioni, finalmente arriviamo. Padiglione 20 stand 16 – Edizioni BD e J-POP MANGA.

La prima cosa che attira la mia attenzione è un libro dei Lego con anche un Batman da costruire in copertina. Mi serviva. E la foto sotto ne è la prova.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Il cane che guarda le stelle – Racconti” con la mia Variant Cover, uscito il primo marzo, era lì, ordinatamente posizionato sul banco. Finalmente anche tra le mie mani. Nonostante non sia la prima copertina che realizzo, credo che la gioia del momento in cui tengo tra le mani il prodotto finito sarà sempre la stessa. Così come il sorriso di felicità quando tra gli scaffali di librerie/fumetterie/edicole vedo una mia illustrazione. Niente, non mi ci abituerò mai e spero tanto di non abituarmici mai perché è un’emozione bellissima.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Saluti, presentazioni per poi sfogliare tutto il resto che lo stand offriva. La Switch con Zelda mi ha fatto subito sentire a casa () .

Ok, pronta. Il tavolo del firmacopie era lì che mi aspettava, con il Manga di Takashi Murakami con la mia Variant Cover e un cartellino con il mio nome. Tiro fuori colori, fogli e prendo posto tra due colleghi. Inizio a disegnare qualcosa. A caso.

Dopo pochissimo la prima mano con in mano la mia Variant si è allungata timidamente verso di me.

< Me lo firmeresti? >

Dentro il mio cuore si è gonfiato.

E così è andata per un paio d’ore la mattina e un paio il pomeriggio.

Ad alcuni solo dediche, altri mi chiedevano un disegno che ha spaziato dal loro mini ritratto ad una cornice di fiori a riprendere il motivo della cover. Una bellissima esperienza.

 

Le foto, sempre stupende, che documentano questa giornata speciale sono di Gio

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nella pausa abbiamo fatto un giretto e… PAZZESCO!!! C’era gente con costumi spaziali… Snake che usciva da uno scatolone gigante che si portava in giro mi ha ammazzato proprio Mito.

Ho conosciuto persone bellissime alle quali sono anche già un po’ affezionata e mi sono trovata davvero bene. Belli anche voi, che siete venuti e con i quali sono stata felicissima di scambiare due parole. La giornata si è poi conclusa nel miglior modo possibile, con gli amici dello stand di Edizione BD e J-POP, a cena.

Questo è stato uno di quei giorni, nonostante la stanchezza che in questo periodo un po’ ho sofferto, che mi ha ricordato che fare  l’illustratrice è bellissimo e che così è davvero un gran bel lavorare! Perché oltre al realizzare qualcosa facendo ciò che amo, le collaborazioni sono fatte dalle persone. E se le persone sono belle anche lavorare lo è in tutti i suoi aspetti.

A presto. 

Angela

1 Comment

dedicARTI – Angela Varani